News
giovedì 21 maggio 2015
Mori, una poltrona per due...ex-damisti

Eh già, il prossimo 24 maggio saranno due ex-giocatori di dama a contendersi lo scettro di primo cittadino nella borgata di Mori.
Mori ha una tradizione damistica ben nota agli esperti italiani della disciplina. La sua popolarità è stata massima probabilmente nel 1992, quando a Mori si tennero le Olimpiadi della dama. In più occasioni il locale circolo ha saputo poi distinguersi sia per le partecipazioni agonistiche, sia per quelle organizzative (ricordiamo solo l’ultima edizione della Coppa Città di Mori, vinta da un certo Alexander Shvartsman, n° 1 al mondo, nell’agosto dello scorso anno).
A Mori probabilmente non c’è nessuno che non abbia mai sentito parlare di dama giocata, che passando per i bar non si sia imbattuto in almeno una delle tante gare disputate o che non abbia mai letto sui giornali locali delle piccole grandi imprese dei damisti della borgata, impegnati in gare locali, nazionali, o addirittura internazionali.
Nel corso degli anni poi l’attività formativa nelle scuole di Mori da parte degli istruttori locali è stata molto intensa, tanto che diverse centinaia di giovani hanno partecipato ad almeno uno dei corsi organizzati. E molti altri hanno partecipato a gare più o meno importanti, qualcuno di essi ottenendo ottimi piazzamenti anche a livello nazionale ed internazionale.
Ad un certo punto, insomma, doveva succedere che anche nelle posizioni di punta a livello istituzionale e politico a Mori dovesse arrivarci qualche damista.
A dire il vero è già da diversi anni che Stefano Barozzi, classe 1976 e giovane giocatore di dama a fine anni ’80, è stato consigliere comunale prima e vicesindaco poi nell’ultima legislatura. Di recente ha anzi ottenuto la stima da parte del suo gruppo politico, il PD, e del Sindaco uscente, che l’hanno designato quale candidato a prossimo sindaco. Il futuro sembrava quindi già scritto. Sennonché all’interno della coalizione di centro-sinistra il PATT (Partito Autonomista del Trentino-Alto Adige) ha schierato quale possibile sindaco un altro ex-damista, di dieci anni più giovane, Cristiano Moiola, giocatore negli anni a cavallo del 2000. Anzi, diciamola tutta, la coalizione, che a livello provinciale è ben salda, a Mori si è spaccata proprio di fronte a queste due candidature. Nulla di personale, ci mancherebbe altro, ma si sa, con la politica è difficile accontentare tutti. Ed allora staremo a vedere cosa succederà, dopo una campagna elettorale che si è dimostrata quanto mai agguerrita.
Ma vediamo un po’ il curriculum damistico dei due candidati.

Un giovanissimo Stefano Barozzi al centro tra i principali rappresentanti della dama locale nel 1987
Un giovanissimo Stefano Barozzi al centro tra i principali rappresentanti della dama locale nel 1987

Stefano Barozzi, damisticamente parlando, è cresciuto assieme a chi scrive dato che abbiamo un solo anno di differenza. Anzi per due volte abbiamo partecipato assieme ai campionati italiani ragazzi. Nel 1986 andammo a Jesi (AN) dove si tenne quel campionato italiano ragazzi di dama internazionale vinto dal talento Sandro Martorelli, giovane di 8 anni che superò giocatori ben più esperti quali il triestino Raoul Bubbi (che allora aveva 12 anni) ed il moriano Marco Veronesi (che invece ne aveva 15). In quell’occasione Stefano Barozzi si piazzò nelle ultime posizioni, trattandosi di una delle sue prime esperienze fuori provincia. Si classificò molto meglio l’anno successivo ai campionati italiani di dama italiana a Savona dove ottenne un ottimo 7° posto su 25 nella categoria “max 11”. Guarda caso vinse ancora Sandro Martorelli (in quegli anni il giovane meranese era un po’ un asso pigliatutto a livello giovanile) e, dietro di lui, tra gli altri, terzo Emanuele Danese e quinto il fratello Beniamino, poi divenuti ottimi giocatori di livello assoluto.

La squadra seconda classificata ai Giochi Sportivi Studenteschi del 1990 con Stefano Barozzi in parte coperto dal trofeo
La squadra seconda classificata ai Giochi Sportivi Studenteschi del 1990 con Stefano Barozzi in parte coperto dal trofeo

Quando Stefano frequentava la 3ª media partecipò pure alla prima edizione dei Giochi Sportivi Studenteschi di dama, la stessa competizione vinta dalle scuole medie di Mori pochi giorni fa rispetto a chi scrive. Per Barozzi, assieme a Maurizio Veronesi, Marcello Rizzi e Nicola Perghem, allenati dal compianto Giuseppe Manzana, la vittoria non arrivò fermati dalla forte squadra di Foggia e così si dovettero accontentare del secondo posto.

La squadra campione dei Giochi Sportivi Studenteschi nel 1999 con Lorenzo Modena, Cristiano Moiola e Simone Prosperi
La squadra campione dei Giochi Sportivi Studenteschi nel 1999 con Lorenzo Modena, Cristiano Moiola e Simone Prosperi

Risultati anche migliori sono arrivati per Cristiano Moiola che, ai tempi delle scuole medie, con la sua squadra ottenne un primo, un secondo ed un terzo posto in tre annate consecutive ai Giochi Sportivi Studenteschi (gli altri componenti della squadra erano Lorenzo Modena e Simone Prosperi, l’allenatore, pensate un po’, era il sottoscritto…). Altri buoni piazzamenti per lui ai campionati italiani giovanili individuali di dama internazionale, dove è sempre riuscito ad entrare nei dieci, talvolta avvicinandosi anche al podio.

Un giovane Cristiano Moiola premiato dal presidente FID Ciro Fierro
Un giovane Cristiano Moiola premiato dal presidente FID Ciro Fierro

Insomma, damisticamente parlando non saprei chi sia stato il migliore tra i due. Entrambi hanno saputo farsi valere primeggiando tra i giovani locali ed ottenendo qualche bella soddisfazione a livello nazionale. Ed anche per le prossime elezioni comunali sarà una bella lotta. Da una parte l’esperienza e la competenza di Barozzi che garantirebbe la continuità dell’ultimo mandato, dall’altra la determinazione, la giovane età e la voglia di cambiamento di Moiola, che vorrebbe far ripartire la borgata di Mori da nuove basi.
Che vinca il migliore!

Ti potrebbe interessare Mori piccola capitale della dama

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,016 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri